Review Party. Travolti dall’amore di Susy Tomasiello.

Review Party. Travolti dall'amore di Susy Tomasiello.

Emma ha due convinzioni nella vita: sua nonna e la fotografia. Quando  però viene licenziata, capisce che deve rivoluzionare la sua vita se non vuole andare a lavorare dai suoi genitori che sono dentisti. Per un può decide di rifugiarsi a casa di sua nonna, ed è proprio lì che scopre per caso delle lettere tra Lorenzo e Giulia. La loro storia è stata interrotta sul più bello senza un motivo e quando sua nonna le racconta che Giulia è stata una grande amica, decide di rintracciarla. Grazie a Internet non è difficile e senza pensarci due volte parte con nonna Chiara per Napoli. Non si è mai allontanata così tanto da Firenze e l’impatto è forte, soprattutto quando scopre che Giulia ha un nipote davvero insopportabile: Alessandro. Alessandro non sopporta l’idea di rintracciare Lorenzo, un uomo di cui non conosce nemmeno l’esistenza e in più non sopporta Emma e la sua invadenza. Tra equivoci, scontri verbali e baci infuocati, Alessandro ed Emma scopriranno che l’antipatia reciproca forse può essere superata. Tra  amori vecchi e nuovi, tutti saranno travolti dall’amore.

 

Il romanzo narra due storie d’amore: quella di Giulia e Lorenzo ( raccontata attraverso le lettere che l’autrice pone all’inizio di quasi tutti i capitoli) e di Emma e Alessandro ( che narrano la vicenda dal loro punto di vista).  La trama ricorda in parte quella di un film che  ho sempre apprezzato molto (e per il quale anche l’autrice ha un debole), Letters to Juliet. Ho parlato di questa somiglianza con Susy, che ha approvato il riferimento. Tra Emma e Alessandro vi è subito una antipatia immediata, che è stata resa alla perfezione. L’unica cosa che davvero li unisce è l’affetto per le loro nonne: Chiara e Giulia, che sono state grandi amiche durante l’adolescenza.  Mentre Alessandro è razionale, freddo, e piuttosto saccente, Emma è una sognatrice istintiva, pasticciona, romantica e senza peli sulla lingua. La caratteristica della protagonista che più ho apprezzato è stata la sua determinazione a non lasciarsi sottomettere dal volere dei genitori dentisti, e a lottare per la sua carriera da fotografa, anche dopo il licenziamento. Alessandro invece è stato in grado di dar vita ad una interessante evoluzione. In poco tempo si è trasformato in un personaggio pieno di dubbi (Anita o Emma?), che ha saputo mettere in discussione molte delle sue scelte e dimostrare tutta la sua umanità. Ho apprezzato il fatto che fosse un uomo colto, in grado di narrare leggende o la storia dei monumenti. Nella realtà mi piace circondarmi di persone con queste caratteristiche.  Il fatto che Alessandro fosse anche un professore di storia all’università è stato un valore aggiunto.  Ho trovato davvero interessanti le parti del romanzo dedicate alle sue lezioni. Il personaggio di Emma mi ha coinvolta meno anche perché in alcune occasioni mi è sembrata troppo dura con Alessandro e con delle pretese nei suoi confronti eccessive. Il personaggio più simpatico è stato  quello di Lorenzo, il grande amore di Giulia (la nonna di Alessandro). Susy ha usato alcune frasi in dialetto napoletano (non preoccupatevi, è presente la traduzione) che per me hanno arricchito la narrazione e contribuito a rendere Lorenzo un personaggio piacevole  e ben delineato.  L’autrice è stata in grado di delineare  benissimo l’evoluzione del rapporto tra Alessandro ed Emma: da nemici giurati a innamorati che non riescono a fare a meno l’uno dell’altra. Del resto come ricorda Lorenzo: l’amore non è bello se non è litigarello.

Un romanzo interessante per chi ama le storie romantiche e il lieto fine.

Ringrazio Susy per avermi permesso di leggere in anteprima la sua storia. 

Voto. 

5 /6

 

 

 

Precedente La otra mirada. La trama della quarta puntata. "Diritto all'intimità. Successivo Chiamatemi Anna: La seconda stagione su Netflix a partire dal 6 luglio.

2 commenti su “Review Party. Travolti dall’amore di Susy Tomasiello.

Lascia un commento

*