La otra mirada. Inizia con un inno ai diritti delle donne la nuova serie spagnola firmata Rtve.

La otra mirada. Inizia con un inno ai diritti delle donne la nuova serie spagnola firmata Rtve.

 

Sul sito ufficiale della serie La otra mirada sono stati resi disponibili i primi minuti della fiction, che sono un vero e proprio inno ai diritti delle donne. Siamo a Lisbona in Portogallo e precisamente a una festa che ha luogo nella sede dell’ambasciata spagnola, qui troviamo Teresa (non sappiamo però se sia questo il vero nome della nuova professoressa) circondata da uomini ricchi ed eleganti. La donna fa notare loro che in quel momento, negli Stati Uniti le donne stanno votando. Uno degli invitati ribatte che concedere  il voto alle donne sarebbe inutile perché voterebbero secondo i gusti del marito. Teresa però crede che per questo ci sia una soluzione, ovvero istruire le donne proprio come si fa con gli uomini, per fornire loro gli strumenti necessari per pensare ed esercitare il diritto di voto e non solo… Teresa immagina un futuro in cui i membri di entrambi i sessi potranno essere colleghi sui luoghi di lavoro, e nel quale le donne saranno libere di scegliere i loro mariti seguendo il cuore e i propri desideri.

QUI la scena.

Precedente La otra mirada. Begoña Vargas è Roberta. Successivo La Mafia uccide solo d'estate Capitolo secondo. La fortunata serie ideata da Pif torna questa sera su Rai Uno.

Lascia un commento

*